Bene…anzi Benatia!

24 dicembre 2017

Cinici, letali e con un pizzico di fortuna acciuffiamo una vittoria importante e pazienza se non conquistiamo il tanto glorioso titolo di “campioni d’inverno” e non abbiamo il “bel gioco” tanto conclamatato dalla stampa e dai vedoviani, ma riusciamo, con fermezza, a distaccarci dalle dirette concorrenti e non mollare la presa sulla compagine sarriana.

Le attese sul match sono alte, si affrontano, da una parte il miglior attacco del campionato, seppur priva nelle ultime giornate dell’estro della stellina Dybala e dall’altra la miglior difesa della seria A, a dispetto della catalogazione di Di Francesco quale allievo zemaniano.

Dopo un continuo batti e ribatti, dove le rispettive difese non subiscono offensive di alcuna gravità e la Juventus a spuntarla grazie ad un calcio piazzato : Pjanic, dall’angolo, piazza il pallone in aerea sul quale si avventa il Pipita, para Allison, ma non può nulla sulla doppia ribattuta dell’ex Benatia che, dopo aver colpito la traversa, trafigge i giallorossi. Il marocchino sta riempiendo, in maniera sontuosa, il buco lasciato scoperto dallo spostatore di equilibri e si candida a leader della retroguardia bianconera.

Nella seconda frazione gli uomini di Allegri continuano a spingere e mancano per un soffio il gol con Higuain, il quale, già in versione natalizia, si divora il raddoppio servito sul piatto d’argento da Khedira; dopo un bel tentativo maldestro di Matuidi e ancora il numero nove bianconero a buttare all’aria un’altra occasione clamorosa in area giallorossa.

Arrivano le risposte degli ospiti, ma c’e’ uno Szczesny in ottima condizione: il secondo di Buffon, dopo una bella respinta nella prima frazione su El Sharaawy, si ripete sul siluro di Dzeko; prega tutti i santi polacchi quando Florenzi, in spaccata, colpisce la traversa e respinge un’incursione del fake Dybala, Under.

Dopo venti minuti di contenimento, si rifà in avanti l’offensiva bianconera con Pjanic, il quale colpisce la traversa, ma è clamorosa l’azione che potrebbe portare al pareggio degli ospiti: Chiellini e Benatia, volendo dar merito al loro ex amico ora in casacca rossonera, si incartano e lasciano a Schick la strada spianata, il ceco, tuttavia, nostalgico delle ore passate in quel di Vinovo, si lascia ipnotizzare dal gigante polacco e sbaglia. Vinciamo.

E’ festa in casa Juventus, è festa in ogni angolo bianconero come lo Juventus Club di Palermo, tre punti importanti che ci rendono ancora più consapevoli dell’enorme potenziale e ci proietta al derby postnatalizio.

Buon Natale fratelli Bianconeri.