Juve vs Udinese/Spal :l’analisi

28 ottobre 2017

Archiviate con soddisfazione le due sfide contro Udinese e Spal, è finalmente giunto il momento del primo vero big match della stagione bianconera.

Le gare contro le compagini di Ferrara ed Udine hanno evidenziato la metamorfosi della banda Allegri, delineandone in maniera chiara le caratteristiche stagionali. Il baricentro della Zebra, almeno rispetto alle ultime annate, si è vigorosamente spostato in avanti, con una fase offensiva in grado di produrre numeri eclatanti.

10 gol nelle ultime 2 gare, 31 nelle prime dieci in campionato: la Juventus si è trasformata in un’autentica macchina da reti

Inevitabilmente, però, sono aumentati anche i gol concessi. Quasi fisiologico quando il tuo volume offensivo raggiunge certi livelli. Poco male perchè la qualità bianconera, in questo 17/18, è localizzata essenzialmente dalla cintola in su e giocare per farne uno in più dell’avversario è un’ottima idea.

Il Milan, che si è sbloccato in quel di Verona, è avvisato:l’attacco bianconero è pronto a scuotere San Siro. Chissà, invece, se la difesa guidata da Chiellini saprà reggere l’urto dell’entusiasmo rossonero.